Madonna della Fontana

L’edificio viene ingrandito e abbellito, assumendo la struttura attuale: pianta a tre navate con tre porte d’accesso ornate di stucchi; cupola centrale; portico in facciata con alloggio sovrastante. Lungo il percorso che conduce al santuario vengono costruite delle cappelle con affreschi di soggetto mariano.Descrizione: Affresco trecentesco della Vergine con il Bambino posto al di sopra della sorgente di acqua perenne, nella cappella interna a sinistra, ridipinto nel secolo XVI. Entrata in uso: nell’anno 1334 Epifania: Personaggio Immagine: Dipinto Luogo: Fonte
Ubicazione originaria del Santuario: Lungo le pareti Note sulla raccolta: Ex voto dal secolo XVII al XX. Tipologia degli ex voto: Tavolette dipinte, Oggetti di oreficeria, Oggetti vari Conservazione attuale: Gli ex voto in parte risultano dispersi, in parte sono custoditi in un luogo sicuro

Apparizione della Madonna alla pastorella muta Maria Raviciotti di Azoglio che riacquist√≤ la parola per raccontare l’avvenimento; la Vergine espresse il desiderio che sul luogo dell’apparizione fosse edificato un santuario e consacrato il ruscello esistente. Fotografie di feste al santuario. 1334: miracolosa guarigione della pastorella muta in seguito all’apparizione della Madonna. / 1606: ampliamento del santuario. / 1934: solenne celebrazione del sesto centenario della fondazione del santuario. 24 giugno 1915: cento giorni di indulgenza, concessa dal vescovo Teodoro di Vercelli, indulgenza confermata nel 1924. La cura dell’edificio e degli arredi fu affidata dal XVII secolo fino agli inizi del secolo XX a un eremita ivi residente. Dal 22 settembre 1706 Maria Cristina Ferrero Fieschi acquisisce il patronato su una cappella presso il santuario; la famiglia conserva il diritto fino agli inizi del XX secolo.

13864 Azoglio BI, Italy
  • contatto telefonico:
  • ubicazione:Link Google maps