San Chiaffredo

L’edificio sorge a monte dell’abitato di Crissolo. La strada di accesso al Santuario, cos come gli spazi in piano a est e sud dello stesso sono stati ricavati riportando terreno sostenuto da muri di terrazzamento in pietra a secco. L’ingresso principale situato ad ovest, mentre in corrispondenza del ripiano, sostenuto dal muro in pietra posto lungo il lato sud della chiesa, si aprono delle porte che danno accesso a dei locali originariamente realizzati per ospitare i pellegrini. Il campanile posto a filo della facciata in corrispondenza dell’intersezione fra navata principale e laterale destra. Il prospetto ovest non simmetrico in quanto il lungo fabbricato che costeggia il lato sinistro della strada di accesso al Santuario termina in aderenza alla facciata in corrispondenza della navata sinistra. Il santuario articolato su una pianta rettangolare a tre navate, una centrale e due laterali. Al fondo della navata laterale destra si apre l’accesso verso la cappella delle reliquie a pianta rettangolare; dalla cappella possibile accedere anche al presbiterio. Al fondo della navata sinistra presente la sacrestia accessibile solamente dal presbiterio. Il presbiterio, di forma rettangolare occupato dall’altare maggiore e si continua nel coro a pianta quadrata. Il presbiterio delimitato dall’aula da un arco a sesto acuto.Ulteriore ingrandimento del santuario.Descrizione: Ossa del santo martire Chiaffredo Entrata in uso: tra l’anno 1374 e l’anno 1376 Reliquia: Ossa
Ubicazione originaria del Santuario: In chiesa Note sulla raccolta: Numerosi gli ex voto conservati: sono piĆ¹ di cento. Conservazione attuale: In chiesa

1375&nbsp;&nbsp;(primo documento in cui viene citato il santuario intero bene)<br><br>Il santuario di San Chiaffredo di Crissolo venne citato per la prima volta nel 1375 (Savio, 1901, p 153-176)Il santuario nasce come cappella in cui sono custodite le ossa del santo martire Chiaffredo. Insieme a San Costanzo, San Chiaffredo il santuario martiriale della diocesi; il culto nasce nella seconda met del XIV secolo attorno alle reliquie del santo, che alcuni vogliono essere state ivi ritrovate casualmente, altri essere state traslate. Nei secoli XV e XVI il culto viene sostenuto dai marchesi di Saluzzo; sino alla fine del secolo XIX rimane il santuario pi frequentato del saluzzese; con Valmala costituisce oggi santuario diocesano. 1387: breve di Clemente VII.

Via S. Chiaffredo, Crissolo, CN 12030, 12030 Crissolo CN, Italy
  • contatto telefonico: +39 0175 94941
  • ubicazione:Link Google maps